Vaccinazioni e Poliomielite. Giornata mondiale end polio Now.

(per gentile concessione di  Termolionline, 27 ottobre 2019)

 Relatori di livello assoluto quelli che venerdì pomeriggio hanno
contribuito a celebrare col proprio contributo la giornata mondiale della
lotto alla poliomielite, che cade il 24 ottobre.
Merito del Rotary club di Termoli, che ha portato nella sala convegni dell’hotel Meridiano il Prof. Giancarlo Ripabelli, ordinario di Igiene e Direttore della Scuola di Specializzazione in Igiene e Medicina Preventiva, Università degli Studi del Molise.Socio del Rotary Club di Campobasso; il Prof. Tommaso Staniscia, ordinario di Igiene, Università degli studi “G. D’Annunzio” Chieti- Pescara; la dottoressa Carmen Montanaro Direttore del Dipartimento Unico di Prevenzione Asrem Molise e il dottor Paolo Emilio Alboini Specialista in Neurologia presso Casa Sollievo dellaSofferenza, San Giovanni Rotondo. Socio del Rotary club di Termoli.
I lavori sono stati frutto della collaborazione tra la presidente del Rotary Club di Termoli, dottoressa Elisabetta Di Massa, affiancata in questo service dal presidente del Rotary Club di Campobasso, dottor Cesare Bitonti, e dalla
presidente del Rotary club di Larino, professoressa Luana Occhionero.
E’ stata presentata una delle campagne di maggior prestigio e ambizione a
livello mondiale, “End polio now”, con cui il Rotary international e la sua
Fondazione hanno contribuito negli ultimi decenni per eradicare la patologia in tutto il mondo.
I Rotary club di Termoli, Campobasso e Larino proprio nell’ambito della campagna “End polio now” hanno ribadito come si voglia eradicare la polio in tutto il mondo e in occasione delle celebrazioni della giornata Mondiale per la lotta alla Polio hanno promosso la conferenza-dibattito aperta al pubblico dal titolo “Tutta la verità sulle vaccinazioni – indicazioni e raccomandazioni nel bambino, nell’adulto, nell’anziano”, manifestazione patrocinata dal Comune di Termoli e dalla SItI(Società italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Salute pubblica).

I lavori sono stati introdotti proprio dalla Di Massa, che ha lasciato la parola al Governatore del distretto 2090 del Rotary International Basilio Ciucci,
espressione del club termolese.
Subito dopo via alle pregiate relazioni, che hanno ripercorso sia la storia della patologia, le conseguenze sociali e le campagna sanitarie, sino ad arrivare a discutere dell’odierno contesto vaccinale.

End Polio Now
Nel 1985 il Rotary International ha lanciato il programma PolioPlus, un impegno ventennale per l’eradicazione della poliomielite. PolioPlus è uno dei più ambiziosi programmi umanitari che siano mai stati intrapresi da un’entità privata. Rimarrà come un esempio di collaborazione privato-pubblico nella lotta alle malattie anche per il 21° secolo.
Di pari passo con la crescita del programma di eradicazione della poliomielite, sono cresciuti l’impegno e il coinvolgimento del Rotary. A partire dal 1990, il Rotary ha spostato la sua azione dalla fornitura di vaccino ai Paesi in via di sviluppo al supporto a coloro che si occupano dell’assistenza sanitaria sul campo, addestrando il personale di laboratorio a riconoscere il virus e lavorando con i governi di tutto il mondo nella storica campagna per la salute. L’obiettivo del Rotary è l’eradicazione totale della poliomielite, obiettivo molto vicino poiché mancano da vaccinare solo 4 paesi.
Il Rotary è coinvolto nell’opera di eradicazione totale della poliomielite in due modi:
Finanziariamente: Nel 1985, il Rotary è stato riconosciuto ufficialmente dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) come organizzazione non governativa operante nel campo della salute a livello internazionale. Nello stesso anno, il Rotary ha ottenuto il risultato di raccogliere 120 milioni di US$ per la fornitura di vaccino per i neonati dei Paesi in via di sviluppo. Al termine di questa campagna il Rotary aveva raccolto più di 247 milioni di US$. Al momento, il programma PolioPlus ha contribuito all’immunizzazione di circa 2 miliardi di bambini con la cifra di 680 milioni di US$.
Assistenza sul campo:

Con la sua rete mondiale, il Rotary costituisce il braccio volontario dell’alleanza mondiale contro la poliomielite. I volontari del Rotary prestano la loro assistenza alla distribuzione del vaccino, alla mobilizzazione sociale e all’aiuto logistico in cooperazione con i ministeri della sanità, Oms, Unicef e con i centri di prevenzione e controllo degli Stati
Uniti. Gli sforzi dei volontari del Rotary sono stati fondamentali nell’eradicazione della poliomielite nell’emisfero occidentale, che è stato certificato libero dalla polio nel 1994.
Ideatore e promotore di quella che diventerà l’operazione mondiale PolioPlus è stato Sergio Mulitsch, emerito rotariano, socio fondatore del R.C. Treviglio e Pianura Bergamasca che fu Governatore del Distretto 204 nel 1984/85.
La Giornata Mondiale della Polio, che ufficialmente viene celebrata il 24 ottobre, è stata istituita dal Rotary International oltre 10 anni fa per commemorare l’anniversario della nascita del dottor Jonas Salk, responsabile della squadra che ha sviluppato il primo vaccino antipolio.
La manifestazione si è conclusa con un momento conviviale, al quale ha preso parte anche il sindaco di Termoli Francesco Roberti, con scambio di gagliardetto con la presidente Di Massa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *