Lettera Presidente. Giugno.

      Nessun commento su Lettera Presidente. Giugno.

Cari Amici,

l’anno appena trascorso è stato molto difficile.

Onestamente speravamo tutti di potere riprendere tutto come prima, ma ancora una volta il Covid ci ha giocato un brutto scherzo. Ci aveva infatti illuso, durante l’estate scorsa, che la crisi era finita e che avremmo potuto ricominciare con la nostra solita vita. Purtroppo non è stato così!

A settembre il quadro è a poco a poco peggiorato sino a paralizzare di fatto nuovamente la nostra società. È chiaro che in una situazione del genere, anche con i nuovi strumenti che abbiamo imparato a scoprire (zoom, etc) abbiamo fatto un po’ come abbiamo potuto. Siamo tutti contenti di aver dato una mano con la DAD, fornendo, grazie al contributo della Rotary Foundation, dei supporti alle scuole della nostra città. Abbiamo anche donato un defibrillatore, su richiesta del comune, continuando nella linea già iniziata dai miei predecessori, di fornire questi importantissimi strumenti alla nostra città.

Molte sono state le iniziative portate a termine anche con convegni e incontri online. Voglio qui ricordare gli incontri con i PDG Bignami e Raschiatore per approfondire la conoscenza del Rotary, ma anche la campagna di sensibilizzazione promossa attraverso banner pubblicitari sui due quotidiani online della città sul rispetto delle regole nel periodo covid. Sempre in tema di attenzione alla salute ed all’ambiente abbiamo promosso incontri sul suolo, sulla terra, e sull’ambiente, anche insieme agli altri club molisani,  partecipando anche alla pubblicazione di un volume che raccoglie i contributi di tanti rotariani sulla materia, grazie alla disponibilità del promotore e ideatore, nostro socio Michele Sellitto, e del socio Antonello Caterino, con la sua casa editrice. Penso anche alla serata con il prof. Angelo Ciavarella autore di una pregevole conferenza sull’andamento dei mercati finanziari. Citazione a parte merita il rapporto con il nostro Rotaract con il quale da sempre abbiamo avuto una speciale collaborazione. Insieme abbiamo organizzato il Rotabeach, ormai un appuntamento abituale della estate termolese, poi una conferenza sulla giornata mondiale contro la violenza sulle donne, con il supporto dell’ordine degli avvocati di Larino e di professionisti e magistrati del foro locale. Infine, dopo alcuni appuntamenti sempre dedicati all’ambiente, siamo andati alla scoperta di Termoli, facendoci guidare dal nostro socio onorario Oscar De Lena. E sicuramente qualche altra iniziativa mi sarà sfuggita.

Molte delle idee che volevamo mettere in pratica sono però sfumate (penso ad un incontro con il giornalista Michele Cucuzza, per la presentazione del suo ultimo libro)  a causa della pandemia, ed in questo contesto anche l’effettivo ne ha risentito. Non vi nascondo che, non posso dire di essere completamente soddisfatto della mia annata! Ciò che mi è mancato di più è stata la convivialità, il rivederci insieme, di persona, senza uno schermo a separarci. Spero che potremo farlo a breve e avrei piacere, come mi ha suggerito il prefetto Emilio, di trovarci tutti insieme anche per una pizza, senza tanti fronzoli. Speriamo di poterlo fare al più presto.

Per alcuni soci questo è stato un anno molto difficile, per ragioni che vanno al di là del nostro club, ma spero che le delusioni non li portano a decisioni di cui possono pentirsi in futuro. Alla fine, ho imparato che nel Rotary c’è bisogno di tutti, e a volte rimanere nel proprio club, dare una mano agli amici e al proprio territorio è la cosa più importante. Diciamo che ci sta bisogno di soldati più che di generali!

Detto questo, auguro al mio successore Paolo Emilio Alboini un anno straordinario, o anche solo un anno normale, come il mio purtroppo non è potuto essere, assicurandogli sin da ora il mio contributo ed il mio appoggio.

Da ultimo non possono non ringraziare chi ha condiviso con me questo anno, indimenticabile, ovvero il mio direttivo, composto dagli amici Antonio Digati, Michele Di Tomasso, Giuseppe Lipartiti, Basilio Ciucci, Raffaella Mastantuoni, Emilio Travaglini, Elisabetta Di Massa, Paolo Alboini, Giuseppe Lemme, Rossella Travaglini ed Emanuele Bracone e la presidentessa del Rotaract, Elena Berchicci.

Jerry